Irpino.it
Irpino.it
Tutti i Forum | Profilo | Registrati | Argomenti Attivati | Membri | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Salva la Password
Ti sei dimenticato la Password?
 
 Tutti i Forum
 Amici
 mi ricordo!!!!
 Nuovo argomento  Rispondi
 Stampa
 
Autore Argomento precedente Argomento Prossimo Argomento  
berakÓ
Nuovo utente



3 Posts
Posted - 17/12/2007 :  15:13:49  Visualizza profilo  Rispondi con commento
Ricordo, che venire Montecalvo era un "Viaggio", ci si organizzava per tempo, la messa a punto della mitica giulietta di antonio, mio cugino, veniva eseguita con puntigliosa meticolositÓ, perchŔ mio padre diceva: .....Il viaggio Ŕ lungo.
Questo, rappresentava per noi bambini, un viaggio fantastico, accompagnato dai racconti di papÓ che ci raccontava chilometro dopo chilometro storie fantastiche che rapivano la nostra fantasia: li il noce dove si radunavano le "ianare", qui la fontana parlante e poi aneddoti di improbabili storie d'amori giovanili.
si partiva all'alba quasi si dovesse attraversare tutta l'italia, la paura di quella galleria lunghissima, che non finiva mai, poi la salita di Venticane che terrorizzava tutti noi, in fondo gente di pianura.
le soste fatte, nei pochi bar aperti, il ricordo di una nevicata, chiusi nell'auto, smarriti in un paesaggio che a noi si negava.
le primaverili impressioni, di un paesaggio arato, le dolci colline, che mi ricordavano quadri di Mondrian.
il profumo del pane, quello buono, fatto da zia, per noi.
si, mi ricordo.
Mi ricordo questo lungo viaggio, che oggi compio in meno di un ora, per venire sempre meno spesso, dai miei affetti, dalla mia gente.


Scrivi Un Messaggio Privato 1953
Utente


Italy
271 Messaggi post.
Posted - 17/12/2007 :  16:08:07  Visualizza il profilo  Rispondi con commento
Si protrebbero chiamare emozionanti appunti di viaggio.
Eh si, le tue parole sono intrise,pregne,di ricordi..di quei ricordi infantili che restano stampati nella mente che mai nessuno potrÓ mai cancellare.
Il tuo racconto Ŕ po il racconto di noi tutti...coloro i quali per necessitÓ o per cercare cose diverse andarono via dal paesello e, forse, per non farvi mai pi¨ ritorno.
Per quanti anni..troppi!! quanti migliaia di km percorsi sull'autosole per ritornere ai luoghi di giovent¨ e agli affetti lasciati!!
Era un rito che si ripeteva almeno due tre volte all'anno... con la mente e l'attenzione sull'asfalto ma il cuore giÓ sull'ultima "curva di pagliaro" da dove si poteva osservare quasi tutto il paese, persino la propria abitazione.
Poi la vita ci fa mettere radici altrove e il consueto rito annuale e sempre meno annuale...resta per˛ il ricordo...magnifico ricordo che ci farÓ compagnia per sempre.
L'ultima considerazione dell'Amico berakÓ Ŕ molto vera, profonda, carica di emotivitÓ e tristezza e tuttavia apprezzamento per il tempo che fu..forse anche con un pochino di rimpianto per la giovinezza che non c'Ŕ pi¨...ma i ricordi sono vivi,ci fanno fantasticare....si ricordo!!
cari saluti,

1953Vai in cima alla pagina


Scrivi Un Messaggio Privato paolop
Utente


Italy
193 Messaggi post.
Posted - 17/12/2007 :  22:57:20  Visualizza il profilo  Visita la Homepage di paolop  Rispondi con commento
Tra i viaggi verso Montecalvo, quelli che ricordo con pi¨ emozione sono quelli che io e la mia famiglia facevamo a Natale, chiusi in 5 in una 124 a scaldarci l'uno con l'altro e a vedere dal finestrino le luci degli alberi di Natale ai bordi delle case che coloravano il buio della notte.
Ricordo che sgranocchiavamo castagne dure come il marmo che ci dava mia nonna.
Una volta rimanemmo bloccati per il ghiaccio sull'autosole per diverse ore ed impiegammo per arrivare a Roma circa 15 ore. Successe nel 1979.
Ancora adesso il viaggio verso Montecalvo Ŕ una viaggio verso emozioni, ricordi e amici.

Vai in cima alla pagina


Scrivi Un Messaggio Privato berakÓ
Nuovo utente



3 Messaggi post.
Posted - 18/12/2007 :  11:44:30  Visualizza il profilo  Rispondi con commento
ricordo ancora le discussioni "filosofiche" che facevamo con le mie sorelle, su l'uso "ardito" dei colori delle case di Montecalvo.
E' poi, con l'incoscienza della giovent¨, anticipare il "babbo" che ripeteva sempre i soliti, aneddoti.
Ora, so, che debbo a lui, che sommessamente, pacatamente, come Ŕ d'uopo tra i gentelmen di altri tempi, ci ha trasmesso l'amore per la nostra terra.

Vai in cima alla pagina

   
 Nuovo argomento  Rispondi
 Stampa
Salta a:

Irpino.it

ę 2004 OVSoft

Vai in cima alla pagina